Ricevi aggiornamenti delle migliori notizie in tempo reale con NewsHub. Installa ora.

13 agosto 1926, nasce Fidel Castro, il padre della rivoluzione cubana

12 agosto 2018 20.00
20 0

Dai giovani barbudos all’assalto alla caserma Moncada nel 1953, dal potere al socialismo, dagli incontri con Nikita Kruscev e Papa Wojtyla (1998) a quelli con il maresciallo Tito e Salvador Allende, fino a Indira Ghandi, Nelson Mandela e Yasser Arafat. Poi l’uscita di scena e la morte, a 90 anni, il 26 novembre del 2016. Fidel Castro: un mito per alcuni, un crudele dittatore per altri, ma sicuramente un grande protagonista, uno degli ultimi che erano ancora rimasti in vita, del Novecento, il «Secolo breve». Nonostante i complotti della Cia, l’invasione degli esuli alla Baia dei Porci appoggiata dagli Usa e quattro decenni e mezzo di sanzioni, ha visto passare alla Casa Bianca undici presidenti. Prima di scomparire nell’era di Donald Trump che lo ha salutato con laconico tweet, affidando l’entusiasmo per la notizia a un punto esclamativo: «È morto Fidel Castro!».

Tra i primi a intuire che la Revolución avrebbe preso una piega autoritaria ci fu Indro Montanelli, che nell’aprile del 1961, all’indomani dell’invasione della Baia dei Porci, lo descrisse come un «nuovo caudillo». Era il 29 aprile del 1961.

Leggere anche: Incidente Seggiano, scontro tra due auto e un Tir: due persone morte tra le fiamme

Per saperne di più

Condividi nei social network:

Commenti - 0