Ricevi aggiornamenti delle migliori notizie in tempo reale con NewsHub. Installa ora.

Foto, Video

16:28 Draghi all’Italia: ridurre l’alto debito è una responsabilità oltre le regole Ue

98

Economia

Tutte le notizie categoria

  • Vueling, attacco ad Alitalia Apre 4 voli al giorno su Roma

    20 novembre 2013 12.28 54

    Vueling aprirà 4 voli al giorno Torino-Roma. Da settembre 2014. Con night stop. Si vola verso Roma alle 7, 20, 11,05, 15,00 e 18,50. I rientri sono previsti alle 9,10, 12,55, 17,00 e 20,40. Si tratta, per il momento, di una manovra volta a potenziare la base di Roma Fiumicino (che avrà 8 aerei basati) anche nell'ottica dei transiti. Di fatto, però, un aereo

  • Più uguali degli altri

    4 giugno 2012 21.45 65

    "Il primo obiettivo della delega che presto sarà discussa dal Consiglio dei ministri è migliorare la pubblica amministrazione. Il secondo è renderla più efficiente. Il terzo è aumentare la sua produttività. Il quarto è fare in modo che sia più trasparente. I licenziamenti sono una sanzione e possono essere un deterrente. Dunque sono uno strumento, non l'unico"

  • La rabbia e il bersaglio/2

    16 maggio 2012 8.59 71

    Annunciando la chisura dell'impianto Indesit a None, l'azienda ha spiegato che un'ora di lavoro per la produzione di elettrodomestici in Italia costa 21 euro. In Polonia, la stessa ora costa cinque euro. La gente che rimane a casa è un dramma, non c'è dubbio. Accusare l'azienda di sciacallaggio, però, è fuorviante: e se in negozio ci mettessero di fronte

  • La rabbia e il bersaglio

    14 maggio 2012 0.25 72

    Una volta si prendevano d'assalto i fornai, accusandoli di imboscare la farina per attendere tempi (e prezzi) migliori. Oggi si prende d'assalto Equitalia: ci si sfoga contro impiegati che non hanno nulla a che vedere con la prepotenza della riscossione (non l'hanno stabilita loro) e anzi, fanno fatica a chiudere i conti di famiglia a fine mese esattamente

  • Euroegoisti

    25 aprile 2012 23.21 70

    L'Eurozona ha un debito pubblico consolidato che vale circa l'85% del Pil, valore decisamente migliore (il 20% più basso) di quello degli Stati Uniti. Nonostante questo, l'Europa se ne torna per la seconda volta in recessione dall'inizio della grande crisi (è il double-dip, il doppio tuffo di cui s'è parlato spesso di recente) e gli Stati Uniti no: perché

  • Se la verde fa (1 e) 90

    17 febbraio 2012 3.50 72

    La benzina corre, corre con l’inflazione e con l’aumento delle imposte, con il gelo che rende irraggiungibili i piccoli centri o con gli iraniani che minacciano blocchi allo stretto di Hormuz. Lei corre: pare che ci aspetti un week end con la verde intorno a 1 euro e 90 al litro. E corre più veloce nelle aree meno forti del Paese. Il prezzo industriale

  • C'è fiducia nei Bot

    13 febbraio 2012 10.06 74

    L'Italia è tornata a chiedere denaro ai mercati. I risultati sembrano incoraggianti: i Bot offerti oggi (12 miliardi complessivi, 8,5 di titoli annuali e 3,5 di semestrali) sono stati accolti bene. Per quelli annuali la richiesta è arrivata a 9,2 miliardi. Per quelli semestrali, 8,5 miliardi. I tassi sono in discesa: gli annuali pagheranno il 2,230% (contro

  • Fiducia

    27 ottobre 2011 0.09 65

    Non ci eravamo quasi più abituati. Dopo le risatine di Angela Merkel e Nicolas Sarkozy, dopo le giravolte del governo nei due giorni di preparazione della lettera con gli impegni per la Commissione Ue, l'Europa ci ha dato fiducia. Ha accolto con favore le promesse che Silvio Berlusconi ha fatto in nome e per conto di tutti noi. Anche i mercati, oggi, hanno

  • Temporaneamente

    16 agosto 2011 23.41 69

    Il concetto di "temporaneo", quando è applicato alle tasse, incute timore. Soprattutto in Italia, patria delle decisioni temporanee che col tempo si strutturano - si incancreniscono, incardinano, stratificano, solidificano - e si fanno permanenti (ma solo nei fatti, sulla carta restano temporanee). Temporaneamente, ai tempi della guerra d'Etiopia il governo

  • Crisi galattica

    16 agosto 2011 1.59 67

    Gli Stati Uniti uscirono dalla crisi del '29 grazie (!) alla seconda guerra mondiale. Quella attuale, tuttavia, è una crisi troppo complessa perché un terzo conflitto sia sufficiente. Così il premio Nobel per l'Economia Paul Krugman, per dare forza alla tesi di chi chiede forti investimenti pubblici per il rilancio dell'economia, è arrivato a invocare