Ricevi aggiornamenti delle migliori notizie in tempo reale con NewsHub. Installa ora.

Cir, il jolly antispread del governo

11 ottobre 2018 4.57
12 0
Cir, il jolly antispread del governo

Lo spread continua a salire, superando quota 300 punti, a conferma che al momento c’è una certa avversione al rischio italiano da parte degli investitori internazionali, sempre più preoccupati della mole di debito pubblico del nostro Paese. Per far fronte a questo aumento dello spread il governo sembrerebbe voler puntare sui Cir, ossia su un maggior coinvolgimento di famiglie e imprese (che oggi detengono il 5% degli oltre 2.300 miliardi di debito pubblico complessivo, di cui il 31% invece è in possesso degli investitori esteri) permettendo loro di investire nei Conti individuali di risparmio sulla falsariga di quanto fatto nella Legge di Stabilità del 2017 con i Pir ossia i Piani individuali di risparmio per il sostegno delle Pmi italiane. La creazione dei Cir, che dovrebbe avvenire tramite un Decreto Legge collegato alla prossima Legge di Bilancio 2019, potrebbe così stimolare i risparmiatori italiani ad acquistare i titoli del Tesoro. Questo sarebbe possibile detassando totalmente gli acquisti privati di Btp, oltre a garantire un credito di imposta.

Per gli investimenti in Cir il risparmiatore potrebbe godere di una detrazione ai fini Irpef del 23% sulle somme investite, fissando però un tetto massimo di 3.000 euro. Inoltre, per fidelizzare gli investitori italiani nel medio-lungo periodo verrebbe introdotta una clausola con la quale il risparm...

Per saperne di più

Condividi nei social network:

Commenti - 0