Ricevi aggiornamenti delle migliori notizie in tempo reale con NewsHub. Installa ora.

Elezioni Iran, Rouhani favorito ma il conservatore Raisi ha l’appoggio del sindaco di Teheran

19 maggio 2017 6.24
14 0
Elezioni Iran, Rouhani favorito ma il conservatore Raisi ha l’appoggio del sindaco di Teheran

Tra endorsement e ritiri dei vari candidati, la sfida per la presidenza iraniana sembra essere ormai una corsa a due. Il voto del 19 maggio vedrà scontrarsi da una parte l’attuale Presidente moderato dell’Iran, Hassan Rouhani, dall’altra il conservatore Ebrahim Raisi, più legato al tradizionalismo religioso degli ayatollah e della Guida Suprema, Ali Khamenei. Una sfida che a poche ore dall’apertura dei seggi appare ancora incerta. I sondaggi danno in vantaggio l’attuale Presidente che, come è sempre avvenuto dopo la rivoluzione del 1979, concluderebbe così il suo secondo e ultimo mandato. Ma il ritiro del Sindaco di Tehran, Mohammad Bagher Ghalibaf, con tanto di dichiarazione di voto in favore di Raisi spaventa l’ala moderato-riformista. A fare la differenza sarà il voto dei tanti indecisi che si recheranno alle urne, con Rouhani che auspica un’affluenza copiosa per cercare di rintracciare la preferenza di chi, tra i sostenitori di Ghalibaf, non se la sente di votare Raisi.

Dei sei candidati in corsa per la presidenza, dopo le selezioni del Consiglio dei Guardiani su oltre 287 mila domande presentate, ne rimangono formalmente solo tre: Rouhani, Raisi e il riformista Mostafa Hashemi-Taba. Quest’ultimo, nonostante sia sempre in lizza, si è adeguato alla “tradizione” iran...

Leggere anche: In Arabia Saudita Trump si rivolge ai musulmani: "Combattere l'estremismo islamico"

Per saperne di più

Condividi nei social network:

Commenti - 0